Frittata di patate con tortino di coniglio

Frittata di patate con tortino di coniglio

Ragazzi oggi una ricetta molto divertente, di recupero, per ridare vita ai piatti del giorno prima in modo creativo! Faremo una frittata con le patate con un tortino con coniglio ripassato. Fantastico!

Ingredienti:

  • Coniglio 3 cosce
  • Patate 2
  • Ricotta stagionata q.b.
  • Uova 2
  • Capperi
  • Pomodorini 3/4
  • Yogurt un cucchiaio
  • Burro di Malga q.b.
  • Cipolla dorata di Medicina q.b.
  • Scorza di limone q.b.
  • Erbe aromatiche a piacimento
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa rompete le uova, aggiungete un pizzico di sale, grattugiate dentro un po’ di ricotta e, infine, aggiungete del pepe e un goccio d’acqua per rompere l’albume. Per rendere allungare il composto aggiungete un cucchiaio di yogurt.

A questo punto, in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva, aggiungete la cipolla dorata e fatela saltare. Dopo qualche minuto, aggiungete le patate precedentemente cotte al forno e una noce di burro. Una volta pronta questa preparazione mettetela da parte e lasciatela, leggermente, raffreddare.

Intanto, mettete a riscaldare il coniglio in forno a 70/80 gradi per 5/6 minuti.

Aggiungete le patate al composto creato precedentemente e mescolate il tutto. Per dare un pizzico di sapore in più aggiungete qualche erba aromatica, io ho scelto: dragoncello, maggiorana, basilico e menta.

Adesso preparate un piccolo intingolo da adagiare sul piatto. Iniziate con i pomodorini, tagliateli finemente e svuotateli. L’acqua del pomodorino non buttatela, aggiungetela all’interno della frittata. A questo punto, insaporiteli con del basilico, ½ spicchio d’aglio e un pizzico di salamoia bolognese e un filo d’olio extravergine d’oliva. Tritate tutto insieme e l’intingolo è pronto.

Non resta che iniziare a lavorare il coniglio, pulitelo e sfilacciatelo io preferisco farlo a coltello ma potete farlo anche a mano. Aggiungete i capperi, erbe aromatiche, erbe essiccate, pepe, un filo d’olio extravergine d’oliva, un po’ di scorza di limone e una lacrima d’aceto di vino rosso. Amalgamate il tutto.

Adesso preparate a frittata, in una padella con una noce di burro e un filo d’olio extravergine d’oliva, versate il composto. Dopo qualche minuto, completate la cottura (forno preriscaldato a 180° con la funzione statico sotto e grill sopra).

In un coppapasta quadrato iniziate a comporre il tortino di coniglio, pressatelo bene così che prenda la forma quadrata.

Adesso che la frittata è pronta aggiungete un po’ di paprika e lasciatela intiepidire per qualche minuto.

Adesso è il momento del’impiattamento. Aiutatevi con un coperchio per girare la frittata e mettetela su un piatto, adagiate al centro il tortino di coniglio e un l’intingolo preparato prima.

Karadeniz pidesi

KARADENIZ PIDESI RICETTA TIPICA TURCA

Ragazzi sapete quanto amo viaggiare per visitare posti nuovi e scoprire le meraviglie della cucina locale. Oggi vi preparo un piatto tipico di un paese che amo molto, la Turchia: il karadeniz pidesi, ovviamente un po’ alla mia maniera! Mettiamoci in viaggio!

Ingredienti per 4 persone (circa 4 pizze)

Per l’impasto della pasta:

  • 900 gr di farina 00
  • 25 gr di sale
  • 500ml di acqua
  • 2 gr di lievito di birra
  • olio evo 25 ml

Versare l’acqua tiepida in una ciotola, unire il sale e circa 100 grammi della farina prevista. Unire il lievito e mescolare bene il tutto con un cucchiaio di legno fino a quando il lievito non sarà completamente sciolto.
Unire gradualmente la farina, sempre mescolando con il cucchiaio di legno, fino a che l’acqua non si sarà completamente assorbita. In questa fase unire anche l’olio extravergine d’oliva (circa 25 ml). Non appena tutta la farina sarà incorporata, disporre l’impasto su una spianatoia di legno e continuare ad impastare il tutto per circa 20 minuti in modo da ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Il panetto finale dovrà risultare liscio, soffice ed elastico.

Ingredienti per la farcia

  • 600 gr di polpa di manzo fassona
  • 2 cipolle dorate di Medicina
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 peperoni verdi di Carmagnola
  • 4/5 pomodori rossi
  • Prezzemolo
  • 4 uova
  • Olio evo
  • sale di Cervia

Procedimento

Tagliare la cipolla a brunoise. Tagliare la carne a filanger e tritarla al coltello. Tagliare i peperoni a cubetti e i pomodori a concassé. Tagliare anche un paio di spicchi di aglio finemente a julienne. Tritare finemente il prezzemolo.

A questo punto, con tutti gli ingredienti pronti, iniziamo a stendere l’impasto, dandogli prima una forma ovale e poi una forma di una barchetta. Iniziare a farcirla con il pomodoro, la carne, i peperoni, la cipolla, il prezzemolo, l’aglio, un filo di olio extra vergine d’oliva, un po’ di sale e se vi piace anche una macinata di pepe. Infornare a 200 gradi per una decina di minuti, qualche minuto prima di sfornare aggiungere l’uovo e terminare in forno (il tuorlo deve rimanere morbido). Terminata la cottura, ungere il cornicione con olio evo o con burro chiarificato.

Tagliatelle con le spugnole

Tagliatelle con le spugnole

Ragazzi ci siamo, è il momento delle spugnole, un fungo pazzesco che dà il meglio di sé alla fine della primavera. Pochissimi ingredienti per un piatto fantastico! Occhio però, per le spugnole, e un po’ per tutti i funghi, non andate da cercatori improvvisati e non improvvisatevi esperti, rivolgetevi sempre al vostro fornitore di fiducia!

Ingredienti:

  • 450 di spugnole
  • 320 g di tagliatelle fresche
  • 2 uova
  • Parmigiano q.b.
  • Ricotta salata q.b.
  • 4 cracker o pane
  •  Cipolla dorata
  • Aglio rosa
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Per prima cosa mettete a bollire le uova, appena l’acqua raggiunge il bollore lasciatele cuocere per nove minuti.

Nel frattempo, pelate la cipolla e tagliatela a julienne.
Inseritela in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva e lasciatela andare, dopo un po’ aggiungete una foglia di alloro e aromatizzatela con un pizzico di salamoia bolognese.

Adesso preparate l’aglio, ne serviranno due spicchi per la guarnizione.

Nella stessa padella utilizzata prima, fate abbrustolire del pane, io utilizzerò dei crackers. Tritateli, non troppo, e inseriteli nella padella con un filo d’olio e di salamoia bolognese, adesso fateli tostare.

Una volta pronte le uova, raffreddatele e sbucciatele e mettetele da parte.

In una padella, lasciate andare per qualche secondo un filo d’olio extravergine d’oliva e due pezzi di burro, poi aggiungete prezzemolo, salamoia bolognese e i funghi. Infine, anche una spolverata di pepe. Lasciateli per qualche minuto.

Mettete l’acqua per la pasta e preparate la guarnizione. In una padella, con un filo d’olio, aggiungete una noce di burro l’aglio (diviso in quattro pezzi) e aromatizzate il burro e lasciatelo imbiondire.

Adesso impiattiamo, io ho scelto un piatto piano e, aiutandomi con un pennello ho cosparso il fondo aromatizzandolo con il burro all’aglio. Adesso utilizzate il tuorlo e, aiutandovi con un passino, sbriciolatelo sul piatto. Aggiungete una grattatina di parmigiano e di ricotta salata.

Adesso che la pasta è pronta, saltatela insieme alla padella con i funghi. Adesso impiattate!

Adagiate, sul piatto preparato prima, sulla base un po’ di cipolla e sopra le tagliatelle e qualche spugnola. Concludete con una spolverata di pan cotto e questo piatto spaziale è pronto!

Una tartare speciale… Rosso Ducati

Rosso Ducati

Ragazzi nella mia regione, detta non caso la Motor Valley, ci sono le auto e le moto più importanti del mondo, quelle che fanno sognare tutti.

Oggi però sarò io, ducatista da sempre, a farvi sognare! Ecco una tartare speciale che vede carne e pesce insieme ed è tutta rossa… per questo l’ho chiamata Rosso Ducati!

Ingredienti:

  • Polpa di manzo (Fassona piemontese) 100g
  • Tonno rosso di Sicilia 100g
  • Rapa rossa
  • Melograno
  • Rapanelli rossi
  • Lattughino rosso q.b.
  • Succo di frutti rossi un bicchiere
  • Paprika q.b.
  • Pepe rosso q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.

Tagliate il tonno a cubettoni e mettetelo in una boule e, in un’altra, inserite il trito di Fassona.

Adesso aggiungete sia al manzo che al tonno un pizzico di sale. Dopo del peperoncino sul trito di manzo e la paprika sul pesce, un cucchiaio d’olio d’oliva su entrambi e lasciateli marinare.

A questo punto fate una concassé con la rapa rossa. Poi, preparate il condimento che servirà a guarnire il piatto, in una boule inserite due cucchiai abbondati di olio entra vergine d’oliva, del pepe rosa, un cucchiaio di succo di frutti rossi e mescolate.

Adesso date forma alla vostra tartare e componetela con un coppapasta adagiato al centro di un piatto. Alla base aggiungete il trito di Fassona marinato e pressate bene. Poi, un secondo strato con il tonno e, il tortino è pronto. Tagliate a rondelle i rapanelli rossi.

Adesso, lavate il lattughino rosso e spargete qualche foglia sul piatto. Fate lo stesso con la rapa, il melograno e sfilate il coppapasta. Concludete con qualche rondella di rapanelli rossi, del pepe rosso e bagnate il tutto con il condimento preparato prima!

Una ricetta speciale per Antoniano

Antoniano: Orecchiette salsiccia e basilico con fonduta di ricotta forte e parmigiano

Ragazzi oggi voglio fare una ricetta speciale dedicata a delle persone speciali. Un piatto che voglio dedicare ai miei amici di Antoniano che ogni giorno si prendono cura di chi ha più bisogno. 

Per questo con il mio amico Pierantonio Sgambaro abbiamo scelto di sostenere insieme l’Operazione Pane, che da sempre si occupa della distribuzione dei viveri nelle mense francescane di tutta Italia!

 

Hamburger di faraona

Hamburger di faraona

Ragazzi oggi facciamo un salto negli States e prepariamo un hamburger! Lo facciamo di faraona, un piatto magro, pieno di sapori e profumi, una roba davvero super!

Ingredienti per due persone:

  • Panini per hamburger 2
  • Faraona tritata 200g
  • Grasso pestato un cucchiaio
  • Pancetta dolce 40g
  • Scarola un cespo
  • Patata 1
  • Pecorino di Pienza semi stagionato q.b.
  • Frutta candita senapata q.b.
  • Aglio
  • Cipolla
  • Maionese q.b.
  • Senape q.b.
  • Erbe aromatiche essiccate q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa lessate la patata. Poi preparate gli ingredienti che serviranno a farcire l’hamburger.

In una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva mettete una cipolla tagliata a julienne, un pizzico di sale e lasciate dorare la cipolla. Dopo qualche minuto, aggiungete la pancetta dolce e fatela rosolare, fin quando non diventa croccante. Una volta raggiunta la cottura, mettetela da parte.

Adesso lavate la scarola e tagliatela grossolanamente a pezzi e mettetela in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva. Poi aggiungete l’aglio tritato finemente e un pizzico di pepe e sale. Dopo qualche minuto, aggiungete dell’acqua e lasciate andare.  Una volta pronta, mettetela da parte.

Adesso prepariamo l’hamburger!
In una terrina mettete la carne, la patata, delle spezie, due cucchiai di grasso pestato e pepe. È arrivato il momento di impastare, quindi, ungetevi le mani con un filo d’olio (eviterete che l’impasto si attacchi) e iniziate ad amalgamare gli ingredienti.

Una volta pronto l’impasto, bisogna dargli forma. Ungete leggermente un tagliere e le mani, dividete l’impasto in due e lavorate una sezione per volta formando prima una pallina e poi schiacciandola sul tagliere, attraverso dei movimenti circolari.

Lasciateli riposare e nel frattempo tostate il pane, in una padella, giusto per renderlo più croccante. Poi, mischiate la maionese con la senape.

Adesso rosolate i due hamburger in una padella con un filo d’olio. Mentre cuociono, tagliate la frutta candita senapata a fette.

È arrivato il momento di comporre l’hamburger!
Per prima cosa spalmate la salsa sulle due fette di pane. Poi aggiungete una grattata di pecorino, la frutta candita senapata, la scarola, la cipolla con la pancetta dolce e gli hamburger. Per evitare che si scompongano, infilzateli con uno spiedino lungo.

Tortiglioni con pesce spada

Tortiglioni con pesce spada

Oggi preparo una ricetta incredibile, facciamo un giretto in una terra che amo, la Sicilia, con dei fantastici tortiglioni con pesce spada, capperi, uva sultanina e tante erbe aromatiche fresche che in questa stagione possiamo far crescere anche sul balcone!

E poi la pasta, quella buona, 100% italiana di grano duro Marco Aurelio, io ormai lo sapete uso Sgambaro, perché mi piace e il grano so da dove viene, dalle mie parti. Ragazzi fatela anche voi perché è un piatto fantastico!

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di tortiglioni Sgambaro
  • 200 g (un trancio) di pesce spada
  • 250 g di pomodorini
  • Ricotta salata q.b.
  • Uva sultanina q.b.
  • Taralli q.b.
  • Nero di seppia (per la guarnizione) q.b.
  • 2 spicchi d’aglio
  • Cipolla
  • Pinoli q.b.
  • Capperi q.b.
  • Basilico q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Menta q.b.
  • Maggiorana q.b.
  • Finocchietto q.b.
  • Origano q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa preparate la salsa che servirà a coprire il fondo del piatto. Per realizzare il pesto in un frullatore inserite il prezzemolo, 2-3 pinoli, uno spicchio d’aglio, basilico, menta, maggiorana, pepe, sale e olio extravergine d’oliva. Dopo aver iniziato a frullare inserite anche un goccio d’acqua fredda.

Mettete a mollo l’uva sultanina e poi concentratevi con la preparazione del sughetto. Iniziate con il soffritto, pulite una cipolla e tagliatela finemente, fate lo stesso con dell’aglio. Prendete una padella, bagnatela con dell’olio extravergine d’oliva e inserite la cipolla e l’aglio. Mettete i capperi a bagno in acqua.

Adesso lavate i pomodori, tagliateli in quattro pezzi,  svuotateli e aggiungeteli al soffritto insieme a del prezzemolo e del basilico tagliati alla julienne. Aiutandovi con un colino, aggiungete anche l’acqua dei pomodori.

A questo punto lavate, pulite e tagliate a cubetti il pescespada e aggiungetelo all’interno della padella. Aggiungete anche i capperi. E lasciate andare.

È arrivato il momento di preparare il pancotto, tritate grossolanamente i taralli e aggiungeteli in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva con un pizzico di sale, finocchietto, origano e uno spicchio d’aglio in camicia e tostate. Speggnete e quando il pancotto diventa tiepido, aggiungete la ricotta salata grattugiata.

Nella padella con il pescespada, adesso, aggiungete un paio di pinoli e l’uva sultanina (strizzatela prima). Non resta che cuocere i tortiglioni.

Nel frattempo, preparate l’impiattamento. Una volta scelto il piatto, aiutandovi con un pennello, dipingete il fondo del vostro piatto con il nero di seppia e fatelo asciugare.

Una volta pronta la pasta scolatela e saltatela insieme al pescespada. Impiattate adagiando sul fondo il pesto preparato all’inizio, aggiungete la pasta e il condimento. Completate il piatto con una spolverata di pancotto.

Salamoia bolognese

salamoia bolognese

Ragazzi è arrivato il momento di preparare la famosa salamoia bolognese, l’avete vista nelle mie ricette e ora vi racconto come farla in casa! Un sale aromatizzato fantastico che potete usare nei barbecue o negli arrosti per dare quella marcia in più di sapore!

Ingredienti:

  • Sale grezzo q.b.
  • Coriandolo q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Aglio 3 spicchi
  • Limone
  • Maggiorana 2 rametti
  • Menta 5 foglie
  • Salvia 8 foglie
  • Alloro 1 foglia
  • Rosmarino 3-4 rametti

Per prima cosa dosate il mix di erbe.

In una boule mettete due rametti di maggiorana, tre o quattro rametti di rosmarino, cinque foglie di menta, otto foglie di salvia e una foglia d’alloro a pezzetti. A questo punto grattugiate una scorza di limone e aggiungete tre spicchi d’aglio pelato.

Su un tagliere, schiacciate e tritare il coriandolo finemente aiutandovi con un coltello. Fate lo stesso con il pepe, inserite il tutto all’interno della boule con le erbe e mescolate.

Adesso è arrivato il momento di tritare gli ingredienti, quindi, rovesciate sul tagliere tutti gli ingredienti e iniziate. Quando il tutto inizia a diventare abbastanza fine aggiungete il sale, poco alla volta, e continuate a tritare tutto insieme. Una volta raggiunto il risultato desiderato, spianate sul tagliere la salamoia e lasciatela asciugare per un paio d’ore. Trascorso il tempo di riposo, inserite tutto all’interno di un contenitore e la salamoia bolognese è pronta!

Zuppa di pesce con casarecce

Zuppa di pesce

Oggi cuciniamo una meravigliosa zuppa di pesce, andiamo un po’ in viaggio con il pensiero tra la Liguria e la Provenza… un vero e proprio piatto unico: c’è una zuppa, un primo, un antipasto, un contorno, insomma c’è tutto!

E insieme al pesce la pasta: ho scelto un formato corto come le casarecce, perfetto per questo tipo di preparazioni, naturalmente una pasta 100% italiana di grano Marco Aurelio, l’imperatore dei grani duri italiani!

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr di Casarecce Sgambaro
  • 6 Cozze
  • 4 Mazzancolle
  • 1 Calamaro
  • 1 Sogliola nostrana
  • 1 Gallinella di mare
  • 10 Vongole veraci
  • 1 Seppia
  • Lumachine di mare
  • 200 gr di Pomodori Datterini
  • 1 Carota
  • 1 Porro
  • 2 Limoni di Sorrento
  • Prezzemolo q.b.
  • Alloro q.b.
  • Basilico q.b.
  • Zafferano q.b.
  • Semi di finocchio q.b.
  • Aglio
  • Aceto di vino rosso q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Per l’acqua di mare:

  • 1 l di acqua fredda
  • 28 g di sale

Per prima cosa pulite le cozze, per spurgarle meglio consiglio di pulirle in un po’ di acqua di mare.
(Per farla fate bollire l’acqua con un po’ di sale e, una volta pronta, lasciatela raffreddare. Quando l’acqua sarà fredda, inserite cozze, vongole e lumache e lasciatele andare per un giorno)

Una volta spurgate, sono pronte per essere lavate sotto acqua corrente fredda. Pulite le mazzancolle, non buttate il carapace ci serve per il brodino. Quindi, in una pentola fate bollire dell’acqua, senza sale, e inserite il carapace.

Adesso pulite la sogliola, la testa non buttatela inseritela all’interno della pentola con il brodino. Poi pulite il calamaro, la seppia, la sogliola e sfilettate la gallinella di mare (i suoi scarti e la testa inseriteli all’interno del brodo).

A questo punto aromatizzate l’acqua del brodo con due foglie di prezzemolo, una foglia d’alloro, metà limone e un pezzo di porro per ottenere un fumetto di pesce.

Adesso preparate la zuppa. In un tegame cuocete cozze, vongole e lumachine di mare: mettete un filo d’olio extravergine d’oliva, due spicchi d’aglio, prezzemolo e fate andare a fuoco dolce e poi mettete i conchigliacei. Utilizzate una tazza d’acqua per bagnare il tutto, poi coprite il tegame. Dopo qualche minuto, aggiungete un goccio di aceto di vino rosso. Lasciate andare per quattro minuti e poi scolate (non buttate via il liquido, servirà per la prossima preparazione)

In una casseruola abbastanza profonda, con un filo d’olio extravergine d’oliva aggiungete uno spicchio d’aglio, porro a rondelle, carota, pomodori tagliati in quattro pezzi, prezzemolo sfogliato, basilico, cipolla, finocchio e lasciate andare il soffritto. Dopo qualche minuto, aggiungete il brodo in cui sono state cotte cozze, vongole e lumachine di mare e qualche mestolo di brodo di pesce. In piccolo recipiente fate sciogliere due pistilli di zafferano con un po’ di brodo di pesce, poi aggiungete il tutto.

A questo punto aggiungete, alla casseruola, il pesce. Iniziate con la seppia e il calamaro tagliato a rondelle, fate cuocere per qualche minuto. Poi aggiungete le lumachine di mare, alcune con il guscio altre senza, la pasta e fatela cuocere all’interno della zuppa, di tanto in tanto aggiungete del brodo. Grattugiate un po’ di scorza di limone e una spolverata di pepe, lasciate andare per quattro minuti. È arrivato il momento di aggiungere il pesce che rimane: cozze e vongole sgusciate, gallinella, sogliola e mazzancolle.i pesce

Non resta che impiattare, sul fondo mettete la zuppa di pesce con le casarecce, adagiate sopra qualche mazzancolla, sogliola, testa del calamaro, lumache di mare. Finite il piatto con un filo d’olio extravergine d’oliva.

Ali di pollo alla messicana

Ali di pollo alla Messicana

Ragazzi, oggi parliamo di ali di pollo. Il pollo non è solo cosce o petto, le parti nobili, anche le alette hanno un loro perché. A me piacciono un sacco, si possono fare in mille modi, oggi le facciamo un po’ speziate, un mio ricordo del Messico!

Ingredienti per le alette di pollo:

  • Alette di pollo 4
  • Peperoni figgitelli 5
  • Porri 2
  • Melanzana
  • Scalogno
  • Miele 2 cucchiai
  • Aglio
  • Olive leggermente piccanti q.b.
  • Salamoia alla bolognese q.b.
  • Menta q.b.
  • Rosmarino q.b.
  • Alloro q.b.
  • Semi di finocchio q.b.
  • Tabasco q.b.
  • Maggiorana q.b.
  • Paprika dolce q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Ingredienti per la salsa:

  • Yogurt magro 1 vasetto
  • Acqua fredda 2 cucchiai
  • Giardiniera q.b.
  • Scorza di limone grattugiata q.b.
  • Erba cipollina tritata q.b.
  • Sale q.b.

Iniziate con le alette, tagliatele nella giuntura e spezzatele a metà. Quindi, marinatele con salamoia bolognese, paprika, maggiorana, tabasco, miele, pepe nero, rosmarino e alloro. A questo punto mescolate e lasciate marinare per almeno un’ora. Nel frattempo, accendete il forno a 190°.

Conclusa la marinatura cospargete una placca da forno, rivestita di carta, con un filo d’olio extravergine d’oliva e adagiate le alette, concludete con un ulteriore filo d’olio. Poi, mettetele in forno.

È il momento del contorno, quindi, pulite e tagliate a cubettoni la melanzana. In una padella mettete un filo d’olio extravergine d’oliva, uno spicchio d’aglio in camicia e le melanzane. Aggiungete un po’ di salamoia alla bolognese, maggiorana e origano. Una volta cotte, mettetele da parte. Tagliate il porro a rondelle e rosolatelo in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva. Poi, pulite lo scalogno e fate lo stesso. Una volta che sia il porro che lo scalogno sono cotti metteteli da parte e, nella stessa padella, fate cuocere i peperoni.

Adesso che tutte le verdure sono pronte il contorno è quasi finito. Non rimane che: cospargerle con un filo d’olio, aggiungere le olive e la menta tagliata a pezzetti. Quando le alette di pollo sono quasi pronte (3/4 della cottura), sistemate il contorno all’interno della placca da forno con il pollo, con un filo d’olio e lasciate cuocere per altri 10 minuti.

Ora preparate la salsa di accompagnamento, iniziate facendo un trito di giardiniera poi aggiungete, semi di finocchio. In una terrina mettete lo yogurt, un goccio di acqua fredda, un po’ di scorza di limone grattugiata, la giardiniera e amalgamate con una frusta. In ultimo aggiungete un pizzico di sale ed erba cipollina tritata.

È il momento di impiattare perché le alette di pollo sono pronte.
In un piatto adagiate le alette di pollo, sopra un po’ di verdure e le olive finite il guarnendo con la salsa allo yogurt!

Iscriviti alla mia newsletter
Rimani sempre aggiornato sulle ultime ricette e novità